RAI - STAGIONE 2023-24
RAI - STAGIONE 2023-24

RAI – STAGIONE 2023-24

RAI - STAGIONE 2023-24

 

Sono tante le novità per le tre reti generaliste Rai e la piattaforma Rai Play nella stagione 2023/2024.

Cominciamo con “La Storia” (regia di Francesca Archibugi), dal capolavoro di Elsa Morante, con Jasmine Trinca.

Un racconto universale tra dramma e riscatto nell’Italia della Seconda guerra mondiale. E’ poi la volta di “Mameli” (regia di Luca Lucini e Ago Panini), una vicenda epica che nel contesto risorgimentale della Repubblica Romana si concentra sulla giovinezza di Goffredo Mameli.

Il dramedy “Gloria” (regia di Fausto Brizzi) segna il grande ritorno da protagonista di Sabrina Ferilli nei panni di un’attrice sul viale del tramonto che prova a dare una svolta alla sua carriera e riprendersi il posto che è suo di diritto.

E poi “La luce nella masseria” (regia di Riccardo Donna, Tiziana Aristarco), una storia famigliare per celebra i settant’anni dall’inizio delle trasmissioni regolari del servizio pubblico e l’arrivo della televisione nelle case degli italiani.

Si conferma, inoltre, per la quarta stagione un titolo di grandissimo successo di pubblico e critica: “Mare fuori” (regia di Ivan Silvestrini) con Carmine Recano, Lucrezia Guidone, Massimiliano Caiazzo, Maria Esposito.

Una serie di culto, insignita dei premi più prestigiosi e che continua a primeggiare su piattaforme e social.

Nell’ambito del period drama, nuovi titoli per raccontare alcuni degli eventi più significativi della nostra storia nazionale: “La lunga notte – La caduta del Duce” (regia di Giacomo Campiotti), con Alessio Boni nei panni di Dino Grandi alle prese con il passaggio decisivo del 25 luglio 1943, e il dramma dell’esodo istriano in “La rosa dell’Istria” (regia di Tiziana Aristarco).

Nuove declinazioni del poliziesco con “Il metodo Fenoglio” (regia di Alessandro Casale), tratto dai romanzi di Gianrico Carofiglio, con Alessio Boni in lotta contro la criminalità organizzata a Bari; “Kostas” (regia di Milena Cocozza), dalle opere di Petros Markaris, con Stefano Fresi; “Il clandestino” (regia di Rolando Ravello), con Edoardo Leo che interpreta un solidale investigatore privato; “Gerri” (regia di Giuseppe Bonito), il seducente ispettore napoletano di origini rom con Giulio Beranek, dai romanzi di Giorgia Lepore.

Nel territorio del crime una novità è la serie tv “Brennero” (regia di Davide Marengo, Giuseppe Bonito), con una coppia investigativa italo/tedesca interpretata da Elena Radonicich e Matteo Martari.

E due serie che ricostruiscono altrettanti casi di cronaca nera: “Circeo” (regia di Andrea Molaioli) con Greta Scarano e Ambrosia Caldarelli, sul processo agli aguzzini del delitto del Circeo del 1975; “Per Elisa – Il caso Claps” (regia di Marco Pontecorvo) con Gianmarco Saurino, per ripercorrere tra Potenza e l’Inghilterra uno dei più efferati casi di omicidio che ha scosso l’opinione pubblica.

Continuiamo a raccontare nel formato del tv movie l’esemplarità di grandi personalità della nostra storia: l’anticonformismo e la libertà di Margherita Hack in “Margherita delle stelle” (regia di Giulio Base) con Cristiana Capotondi, la dolorosa e poetica passione di vita di Alda Merini in “Folle d’amore” (regia di Roberto Faenza) con Laura Morante; la vicenda umana e sportiva dello schermidore Paolo Pizzo, due volte campione del mondo, ne “La stoccata vincente” (regia di Nicola Campiotti) con Alessio Vassallo e Flavio Insinna.

Continua la nostra trasposizione televisiva del grande repertorio teatrale di Eduardo De Filippo con due nuove commedie: “Non ti pago” (regia di Edoardo De Angelis) con Sergio Castellitto e “Napoli milionaria” (regia di Francesco Amato) con Massimiliano Gallo e Vanessa Scalera.

Non manca un’attenzione particolare al mondo dei giovani, con nuovi teen drama e storie di formazione come “Noi siamo leggenda” (regia di Carmine Elia), un gruppo di ragazzi alle prese con l’adolescenza e il dono dei superpoteri.

Rientra in questo solco anche il nuovo original per Rai Play “Eppure cadiamo felici” (regia di Matteo Oleotto), una storia d’amore e mistero liberamente tratta dall’omonimo best-seller di Enrico Galiano.

Un grande impegno riguarda le coproduzioni internazionali. Nell’ambito ormai collaudato dell’Alleanza Europea tra Rai, France Télévisions (Francia) e ZDF (Germania) rientrano “Corpo libero” (regia di Cosima Spender e Valerio Bonelli), dall’omonimo romanzo di Ilaria Bernardini, un thriller nel mondo della ginnastica artistica con Antonia Truppo e Filippo Nigro;

l’avventura de “Il giro del mondo in 80 giorni” (regia di Steve Barron, Charles Beeson, Brian Kelly), libero adattamento del romanzo di Jules Vernes, con David Tennant; il thriller “The Reunion” (regia di Bill Eagles), dal romanzo La ragazza e la notte di Guillame Musso; l’apocalittico “Il quinto giorno” (regia di Barbara Eder, Luke Watson, Philipp Stölzl), dall’omonimo romanzo di Frank Schätzing.

Sul fronte della docufiction, tre titoli che sottolineano ancora di più il nostro impegno di servizio pubblico: “Zona protetta” (regia di Giulia Cacchioni, Chiara Campara, Giulia Lapenna, Pietro Porporati, Giansalvo Pinocchio), con il racconto di alcuni ragazzi considerati difficili ospiti di case-famiglia;

Aemilia” (regia di Claudio Canepari) sulle infiltrazione della ‘ndrangheta in Emilia-Romagna; la nuova stagione di “Dottori in corsia” (regia di Giacomo Frignani) per raccontare le storie dei piccoli pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

La forza della fiction Rai è un necessario equilibrio tra novità e ritorni e dunque, a conferma delle attese del pubblico, sono in programmazione nella prossima stagione anche i sequel delle fiction dai grandi numeri:

il record di “Doc – Nelle tue mani 3″ (regia di Jan Maria Michelini, Nicola Abbatangelo, Matteo Oleotto) con Luca Argentero; “Don Matteo 14″ (regia di Riccardo Donna, Enrico Ianniello, Francesco Vicario) con Raoul Bova;

Blanca 2″ (regia di Jan Maria Michelini, Michele Soavi) con Maria Chiara Giannetta; “Imma Tataranni – Sostituto procuratore 3″ (regia di Francesco Amato e Kiko Rosati) con Vanessa Scalera, Massimiliano Gallo, Alessio Lapice;

Un professore 2 (regia di Alessandro Casale) e “I bastardi di Pizzofalcone 4″ (regia di Monica Vullo, Riccardo Mosca) con Alessandro Gassmann; “Cuori 2″ (regia di Riccardo Donna) con Daniele Pecci, Matteo Martari, Pilar Fogliati;

Màkari 3″ (regia di Monica Vullo, Riccardo Mosca) con Claudio Gioè; il legal-dramedy “Studio Battaglia 2″ (regia di Simone Spada) con Barbora Bobulova, Lunetta Savino, Miriam Dalmazio.

Infine, si conferma il consueto appuntamento con i daily drama “Il Paradiso delle Signore” e “Un posto al sole”, ormai diventati punti di riferimento del palinsesto quotidiano che, forti degli ottimi ascolti ottenuti, tornano con molte novità, personaggi e storie.

 

Previous articleJeanne Du Barry – La Favorita del Re
Next article“Assassinio a Venezia” al cinema
Quando la musica, il cinema, il teatro e la televisione si uniscono al giornalismo dando vita a una passione costante per l'arte, lo spettacolo è inevitabile. Dopo aver collaborato con il quotidiano Infooggi (redazione siciliana) occupandosi di criminalità organizzata, ha aperto anche la rubrica settimanale “Così è (se gli pare)” di cui era anche responsabile con Alessandro Bertolucci. Ha collaborato con i quotidiani La Nostra Voce, Resto al Sud e con il mensile IN Magazine. Attualmente collabora con il Corriere Romagna che ha sede a Rimini, con il mensile PrimaFila Magazine che si occupa di cinema e libri, ed in ultimo ma non per importanza, con Showinair.news, l'attuale Testata Giornalistica, con articoli e interviste inedite a personaggi dello spettacolo del cinema, televisione, teatro, musica e articoli di cultura.