Sono iniziate a Casalecchio di Reno, San Giovanni in Persiceto e Bologna, le riprese della serie “Nudes“, remake italiano del teen drama norvegese omonimo, prodotto in collaborazione con Rai Fiction per Rai Play, grazie al sostegno della Regione Emilia-Romagna. Racconta le esperienze di un gruppo di teenager che si ritrova a fare i conti con la divulgazione online di immagini a sfondo sessuale, addentrandosi nell’insidioso mondo dei social media attraverso un linguaggio intimistico e il punto di vista dei suoi giovani protagonisti. La serie affronta il tema del revenge porn con sguardo realistico e moderno rivolto agli adolescenti, ma aprendo gli occhi anche al pubblico adulto sui pericoli del rapporto tra internet e sessualità dei più giovani.

L’obiettivo è narrare le conseguenze di un gesto spesso fatto con superficialità, senza consapevolezza. La sua forza è farlo dal punto di vista dei ragazzi: senza filtri, con disarmante, dura e commovente sincerità. Senza puntare l’indice né verso chi commette il gesto né su chi lo subisce, ma mostrando quanto, negli adolescenti, il pensiero e il giudizio sulle cose sia ancora acerbo, in formazione. Quanto un’azione compiuta con leggerezza possa dimostrarsi devastante e incontenibile. La serie si articolerà in 10 episodi da 20 minuti e avrà alla guida la regista Laura Luchetti, che con Fiore Gemello ha riscosso un grande successo internazionale entrando a far parte della rosa dei 4 registi che hanno rappresentato l’Italia all’EFA (European Film Awards 2019), dopo la calorosa accoglienza, tra gli altri, al Toronto Film Festival, al London Film Festival e alla sezione parallela del Festival di Roma, Alice nella città.

«Nudes è un progetto a cui tengo molto e che mi dà l’opportunità di raccontare in maniera approfondita e realistica il fenomeno del revenge porn, una realtà giovanile allarmante ed estremamente attuale. È un onore lavorare a una delle prime serie originali di Rai Play e ringrazio Bim Produzione e il gruppo Wild Bunch per avermene affidato la regia», ha dichiarato la regista. La serie originale è stata un successo in Norvegia per aver acceso un riflettore sulle problematiche delle nuove generazioni legate all’uso scorretto dei social media, vincendo il premio come Miglior Programma Televisivo per Ragazzi e Miglior Colonna Sonora, al Gullruten, il più prestigioso premio televisivo norvegese. Distribuita da Wild Bunch TV, la serie originale è già stata venduta in molti Paesi tra i quali il Regno Unito, dove BBC3, per la prima volta, ha mostrato interesse nei confronti di un prodotto non in lingua inglese. Il gruppo Wild Bunch conferma la sua capacità di costruire un’offerta di prodotti televisivi di grande qualità, creando una forte sinergia tra il suo braccio distributivo e le società di produzione appartenenti al gruppo.

 

Previous article“AmaSanremo”: cinque giovedì per 20 giovani in gara
Next articleIl ritorno in tv di Giuseppe Fiorello con Gli orologi del diavolo
Quando la musica, il cinema, il teatro e la televisione si uniscono al giornalismo dando vita a una passione costante per l'arte, lo spettacolo è inevitabile. Dopo aver collaborato con il quotidiano Infooggi (redazione siciliana) occupandosi di criminalità organizzata, ha aperto anche la rubrica settimanale “Così è (se gli pare)” di cui era anche responsabile con Alessandro Bertolucci. Ha collaborato con i quotidiani La Nostra Voce, Resto al Sud e con il mensile IN Magazine. Attualmente collabora con il Corriere Romagna che ha sede a Rimini, con il mensile PrimaFila Magazine che si occupa di cinema e libri, ed in ultimo ma non per importanza, con Showinair.news, l'attuale Testata Giornalistica, con articoli e interviste inedite a personaggi dello spettacolo del cinema, televisione, teatro, musica e articoli di cultura.